09 maggio 2016

Assilt e fisco: l'attestato quota associativa contiene un importo errato?

No, non contiene dati errati. L'attestato riporta i pagamenti eseguiti nel 2015, in conformità alle normative valide per la deduzione o la detrazione degli oneri fiscali, che prevedono l'applicazione del cosiddetto "principio di cassa". Ovvero, il beneficio deve essere fruito nel periodo d’imposta in cui l’onere è stato sostenuto, cioè effettivamente pagato o trattenuto.
L'apparente disallineamento può capitare ai Soci che pagano la quota associativa tramite conto corrente bancario perché hanno ricevuto, il 31-12-2014, l'addebito della prima rata 2015. Stessa situazione per i Soci che utilizzano i bollettini postali, se hanno pagato a dicembre 2014 la prima rata del 2015.

In ogni caso potremo verificare le date dei nostri pagamenti entrando in "area personale", "le mie impostazioni", selezionando "stato contributivo" e troveremo lo schema riportato a sinistra sulla foto che segue.
Dopo il controllo potremo tranquillamente inserire l'importo sul 730/2016 al rigo "E26" (altri oneri deducibili) con codice "6" (contributi versati ai fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale).

Nessun commento: