28 agosto 2015

Testo Unico normativo: Assilt precisa ...

il Consiglio di Amministrazione del 21 luglio 2015 ha fornito chiarimenti per alcune prestazioni:
Prestazioni sanitarie rimborsate da parte di Società di Assicurazione
Per le ricevute di spesa dalle quali si evince che altre Società di Assicurazione hanno già erogato dei contributi si applica il limite normativo indicato all’articolo 16 del TUNA.
Per le differenze di importi che rimangono a carico dei soci non possono essere riconosciuti neanche contributi a titolo di erogazione straordinaria.
Prestazioni con contributo mensile 
(Fisioterapia in Assistenza Domiciliare, Terapie non convenzionali, Ricoveri presso Residenze Sanitarie Assistenziali, Affitto ventilatori per la respirazione assistita, Riabilitazione da dipendenze da alcol e/o droghe)


Nel rispetto del limite di importo massimo erogabile ogni mese - e se ben specificato nella documentazione sanitaria e di spesa il periodo di riferimento - possono essere liquidate dal Service Amministrativo le documentazioni di spesa presentate dai soci prima della data di scadenza del limite mensile (30 giorni).
Prestazioni specialistiche e di diagnostica - Pagamento di tariffe “scontate” o “a pacchetto”
Per le prestazioni specialistiche di diagnostica per le quali vengono applicati degli sconti, senza precisare il costo analitico dei singoli esami, nel rispetto dei limiti normativi (prescrizione medica delle prestazioni indicate in fattura), e se non sottoposte a vincoli di temporizzazione, è possibile riconoscere il contributo del 65% della spesa sostenuta entro un importo massimo concedibile per ogni fattura di Euro 150,00.
Questo, tuttavia, non deve comportare l’erogazione di contributi per prestazioni non previste o la liquidazione di importi superiori a quelli comunque indicati nel Tariffario.
Denti sovrannumerari
L’attuale normativa non prevede un contributo per cure eseguite su denti “sovrannumerari”. Se opportunamente documentati con certificato del dentista è possibile riconoscere il relativo contributo nel caso di estrazioni.
Prescrizione medica - Occhiali da vista
A i soci che durante la visita disposta dall’Azienda (videoterminalisti) siano consigliate delle protesi oculistiche, se dalla scheda rilasciata dal professionista (Medico specialista in oculistica o Olftalmologo) è rilevabile quanto previsto dalla normativa (nome del Socio, nome del medico specialista, tipo di lenti prescritte e diottrie), tale scheda può sostituire la prevista prescrizione medica specialistica.
Diagnostica per immagine
L’attuale normativa prevede per gli esami endoscopici una voce unica (qualsiasi tipologia e distretto) con un contributo a percentuale (65%) sulla spesa complessiva sostenuta (a fattura) entro un importo massimo che è pari a euro 200,00. Nel caso in cui un socio venga sottoposto a “Esofagogastroduodenoscopia” e “Colonscopia”, fatturati in un unico documento di spesa, è possibile riconoscere il suddetto contributo per entrambi gli esami eseguiti.

Esami ematici inclusi gli allergologici
Sono erogabili contributi nel caso di esami ematici - inclusi quelli ematici allergologici - prescritti ed effettuati da medici curanti o specialistici in Allergologia, Immunologia, Gastroenterologia, Pneumologia e Dermatologia.
Rimborso spese viaggio La documentazione di spesa relativa il carburante acquistato dai soci deve coprire il contributo che potrebbe essere erogato considerando i chilometri percorsi (Euro 1,50 ogni 10 KM), in quanto - in nessun caso - sono erogabili contributi se non giustificati da documentazione sanitaria e di spesa.

Nessun commento: